sportello polifunzionale per il cittadino

sei in:   home | facile | norme | imposta_di_bollo

Esenzione dall’imposta di bollo

DPR 642 DEL 26.10.1972 (ESENZIONI)DM 20.8.1992: TARIFFA (anche qui)TABELLA RIEPILOGATIVADIRITTI SEGRETERIA
ATTENZIONE. «Le esenzioni costituiscono previsioni normative di carattere eccezionale che, proprio per la loro peculiarità, non possono essere applicate oltre i casi espressamente previsti, poiché si sovvertirebbe altrimenti il rapporto regola/eccezione voluto dal legislatore, quando ha dettato la disciplina eccezionale.» ( Agenzia delle Entrate - Direzione centrale normativa e contenzioso - Risoluzione n. 132/E del 13 novembre 2006)
«In linea generale, le ipotesi di esenzione tributaria previste dalla legge rivestono carattere eccezionale, in quanto deroga al principio di uguaglianza e al principio di conformità del sistema impositivo al criterio della capacità contributiva sanciti rispettivamente dall'art. 3 e dall'art. 52 della Costituzione, e quindi non consentono applicazione a fattispecie diverse da quelle che debbano ritenersi in esse considerate alla stregua di una rigorosa interpretazione.» (Cassazione Se. V Civile sentenza n. 9760 dell'8 ottobre 1997; ed inoltre n. 2057del 13 febbraio 2002, n, 3970 del 19 febbraio 2009, n. 20083 del 18 settembre 2009, n. 21144 del 2 ottobre 2009; SS.UU. n. 23665 del 9 novembre 2009)
Di conseguenza, «sui documenti rilasciati in esenzione dal pagamento del tributo di bollo è necessario indicare l'uso al quale gli stessi sono destinati» (Agenzia delle entrate, Direzione Centrale Normativa, risoluzione 25/E del 25 marzo 2010).
DPR n. 642 del 1972, Tabella allegato B: Atti, documenti e registri esenti dall’imposta di bollo in modo assoluto
  Petizioni agli organi legislativi; atti e documenti riguardanti la formazione delle liste elettorali, atti e documenti relativi all’esercizio dei diritti elettorali ed alla loro tutela sia in sede amministrativa che giurisdizionale. Punto 1
  Elenchi e ruoli concernenti l’ufficio del giudice popolare, la leva militare ed altre prestazioni personali verso lo Stato, le regioni, le province ed i comuni, nonché tutte le documentazioni e domande che attengono a tali prestazioni e le relative opposizioni. Punto 2
  Atti, documenti e provvedimenti dei procedimenti in materia penale, di pubblica sicurezza e disciplinare, esclusi gli atti di cui agli articoli 34 e 36 della tariffa e comprese le istanze e denunce di parte dirette a promuovere l’esercizio dell’azione penale e relative certificazioni. Documenti prodotti nei medesimi procedimenti dal pubblico ministero e dall'imputato o incolpato. Punto 3
(vedere anche patrocinio gratuito)
  Estratti e copie di qualsiasi atto e documento richiesti nell'interesse dello Stato dai pubblici uffici, quando non ricorre l'ipotesi prevista dall'art. 17 del presente decreto. Punto 4
 
  1. Atti e copie del procedimento di accertamento e riscossione di qualsiasi tributo, dichiarazioni, denunzie, atti, documenti e copie presentati ai competenti uffici ai fini dell'applicazione delle leggi tributarie, con esclusione di ricorsi, opposizioni ed altri atti difensivi del contribuente.
  2. Verbali, decisioni e relative copie delle commissioni tributarie nonché copie dei ricorsi, delle memorie, delle istanze e degli altri atti del procedimento depositati presso di esse.
  3. Repertori, libri, registri ed elenchi prescritti dalle leggi tributarie ad esclusione dei repertori tenuti dai notai.
  4. Atti e copie relativi al procedimento, anche esecutivo, per la riscossione dei tributi, dei contributi e delle entrate extratributarie dello Stato, delle regioni, delle province, dei comuni e delle istituzioni pubbliche di beneficenza, dei contributi e delle entrate extratributarie di qualsiasi ente autorizzato per legge ad avvalersi dell'opera dei concessionari del servizio nazionale di riscossione.
  5. Istanze di rimborso e di sospensione del pagamento di qualsiasi tributo, nonché documenti allegati alle istanze medesime.
  6. Delegazioni di pagamento e atti di delega di cui all'art. 3 della legge 21 dicembre 1978, n. 843.
Punto 5
  Fatture ed altri documenti di cui agli articoli 19 e 20 della tariffa riguardanti il pagamento di corrispettivi di operazioni assoggettate ad imposta sul valore aggiunto.
Per i suddetti documenti sui quali non risulta evidenziata l'imposta sul valore aggiunto, la esenzione è applicabile a condizione che gli stessi contengano l'indicazione che trattasi di documenti emessi in relazione al pagamento di corrispettivi di operazioni assoggettate ad imposta sul valore aggiunto.
Punto 6
 
  1. Titoli di debito pubblico, buoni del tesoro, certificati speciali di credito ed altri titoli obbligazionari emessi o garantiti dallo Stato, nonché le relative quietanze; libretti postali di risparmio, vaglia postali e relative quietanze; ricevute, quietanze ed altri documenti recanti addebitamenti o accreditamenti formati, emessi ovvero ricevuti dalle banche nonché dagli uffici della società Poste Italiane SpA non soggetti all'imposta di bollo sostitutiva di cui all'articolo 13, comma 2-bis, della tariffa annessa al presente decreto; estratti di conti correnti postali intestati ad amministrazioni dello Stato; buoni fruttiferi ed infruttiferi da chiunque emessi; domande per operazioni comunque relative al debito pubblico e documenti esibiti a corredo delle domande stesse; procure speciali per ritiro di somme iscritte nei libretti postali nominativi di risparmio; polizze e ricevute di pegno rilasciate dai monti di credito su pegno, dai monti o società di soccorso e dalle casse di risparmio; libretti di risparmio e quietanze sui depositi e prelevamenti, anche se rilasciate separatamente.
  2. Azioni, titoli di quote sociali, obbligazioni ed altri titoli negoziabili emessi in serie, nonché certificati di tali titoli, qualunque sia il loro emittente compresi gli atti necessari per la creazione, l'emissione, l'ammissione in borsa, la messa in circolazione, la negoziazione o la compravendita di detti titoli.
  3. Quietanze per il rimborso dei titoli, buoni, azioni e quote di cui ai precedenti commi nonché per il versamento di contributi o quote associative ad associazioni politiche, sindacali e di categoria, religiose, assistenziali, culturali e sportive.
Punto 7
 
  1. Copie, estratti, certificati, dichiarazioni ed attestazioni di qualsiasi genere rilasciati da autorità, pubblici uffici e ministri di culto nell'interesse di persone non abbienti e domande dirette ad ottenere il rilascio dei medesimi.
    Per fruire dell'esenzione di cui al precedente comma è necessario esibire all'ufficio che deve rilasciare l'atto, il certificato in carta libera del sindaco o dell'autorità di pubblica sicurezza comprovante la iscrizione del richiedente nell'elenco previsto dall'art. 15 del decreto legislativo luogotenenziale 22 marzo 1945, n. 173.
  2. Domande per il conseguimento di sussidi o per l'ammissione in istituti di beneficenza e relativi documenti.
  3. Quietanze relative ad oblazioni a scopo di beneficenza a condizione che sull'atto risulti tale scopo.
Punto 8
  Certificati anagrafici richiesti dalle società sportive, su disposizione delle rispettive federazioni e di enti ed associazioni di promozione sportiva di appartenenza. Punto 8-bis
 
  1. Atti e documenti in materia di assicurazioni sociali obbligatorie e di assegni familiari, ricevute dei contributi nonché atti e documenti relativi alla liquidazione e al pagamento di indennità e rendite concernenti le assicurazioni stesse anche se dovute in base a leggi straniere.
  2. Domande, certificati, documenti, ricorsi occorrenti per la liquidazione e il pagamento delle pensioni dirette o di reversibilità, degli assegni e delle indennità di liquidazione e di buonuscita o comunque di cessazione del rapporto di lavoro anche se a carico di stranieri.
  3. Domande e relativa documentazione per l'iscrizione nelle liste di collocamento presso gli uffici del lavoro e della massima occupazione.
Punto 9
  Certificati concernenti gli accertamenti che le leggi sanitarie demandano agli uffici sanitari, ai medici, ai veterinari ed alle levatrici, quando tali certificati sono richiesti nell'esclusivo interesse della pubblica igiene e profilassi. Punto 10
 
  1. Atti e documenti necessari per l'ammissione, frequenza ed esami nella scuola dell'obbligo ed in quella materna nonché negli asili nido; pagelle, attestati e diplomi rilasciati dalle scuole medesime.
  2. Domande e documenti per il conseguimento di borse di studio e di presalari e relative quietanze nonché per ottenere l'esonero totale o parziale dal pagamento delle tasse scolastiche.
  3. Istanze, dichiarazioni o atti equivalenti relativi alla dispensa, all'esonero o alla frequenza dell'insegnamento religioso.
Punto 11
 
  1. Atti e provvedimenti del procedimento innanzi alla Corte costituzionale.
  2. Atti, documenti e provvedimenti dei procedimenti giurisdizionali ed amministrativi relativi a controversie:
    1. in materia di assicurazioni sociali obbligatorie ed assegni familiari;
    2. individuali di lavoro o concernenti rapporti di pubblico impiego;
    3. in materia di pensioni dirette o di riversibilità;
    4. in materia di equo canone delle locazioni degli immobili urbani.
  3. Atti relativi ai provvedimenti di conciliazione davanti agli uffici del lavoro e della massima occupazione o previsti da contratti o da accordi collettivi di lavoro.
  4. Atti e documenti relativi all'esecuzione immobiliare nei procedimenti di cui ai numeri 1), 2) e 3) del secondo comma e dei provvedimenti di cui al terzo comma del presente articolo.
  5. Atti e provvedimenti dei procedimenti innanzi al conciliatore, compreso il mandato speciale a farsi rappresentare ed escluse le sentenze.
Punto 12
  Atti della procura della tutela dei minori e degli interdetti, compresi l'inventario, i conti annuali e quello finale, le istanze di autorizzazione ed i relativi provvedimenti, con esclusione degli atti e dei contratti compiuti dal tutore in rappresentanza del minore o dell'interdetto; atti, scritti e documenti relativi al procedimento di adozione speciale e di affidamento, all'assistenza ed alla affiliazione dei minori di cui agli articoli 400 e seguenti del codice civile; atti di riconoscimento di figli naturali da parte di persone iscritte nell'elenco di cui all'art. 15, D.Lgs.Lgt. 22 marzo 1945, n. 173. Punto 13
  Contrassegno invalidi, rilasciato ai sensi dell'articolo 381 del regolamento di esecuzione del nuovo codice della strada, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, a soggetti la cui invalidità comporta ridotte o impedite capacità motorie permanenti. Punto 13-bis
 
  1. Domande per ottenere certificati ed altri atti e documenti esenti da imposta di bollo; domande per il rilascio di copie ed estratti dei registri di anagrafe e di stato civile; domande e certificati di nascita per il rilascio del certificato del casellario giudiziario.
  2. Dichiarazioni sostitutive delle certificazioni e dell'atto di notorietà rese ai sensi degli articoli 2 e 4 della legge 4 gennaio 1968, n. 15, e successive modificazioni ed integrazioni.
Punto 14
 
  1. Bollette ed altri documenti doganali di ogni specie, certificati di origine.
  2. Atti, documenti e registri relativi al movimento, a qualsiasi titolo, e alla compravendita di valute e di valori in moneta o verghe.
  3. Fatture emesse in relazione ad esportazioni di merci, fatture pro-forma e copie di fatture che devono allegarsi per ottenere il benestare all'esportazione e all'importazione di merci, domande dirette alla restituzione di tributi restituibili all'esportazione.
  4. Ricevute delle somme affidate da enti e imprese ai propri dipendenti e ausiliari o intermediari del commercio, nonché agli spedizionieri, per spese da sostenere nell'interesse dell'ente o dell'impresa.
  5. Domande di autorizzazione d'importazione ai sensi dell'articolo 115 del Trattato CEE.
Punto 15
  Atti e documenti posti in essere da amministrazioni dello Stato, regioni, province, comuni, loro consorzi e associazioni, nonché comunità montane sempreché vengano tra loro scambiati. Punto 16
  Atti che autorità, pubblici funzionari e ministri di culto sono tenuti a trasmettere all'ufficio dello stato civile; dichiarazioni e processi verbali trasmessi all'ufficio dello stato civile per comunicare la nascita o la morte di persone o il rinvenimento di bambini abbandonati. Punto 17
 
  1. Passaporti e documenti equipollenti; carte di identità e documenti equipollenti.
  2. Atti e documenti necessari per il rilascio e il rinnovo dei passaporti:
    1. per gli emigranti, considerati tali ai sensi delle norme sulle emigrazioni, che si recano all'estero a scopo di lavoro e per le loro famiglie;
    2. per gli italiani all'estero che fruiscono di rimpatrio consolare o rientrino per prestare servizio militare;
    3. per i ministri del culto e religiosi che siano missionari;
    4. per gli indigenti.
Punto 18
  Atti costitutivi e modificativi delle società di mutuo soccorso, cooperative e loro consorzi, delle associazioni agrarie di mutua assicurazione e loro federazioni, ed atti di recesso e di ammissione dei soci di tali enti. Punto 19
  Abrogato Punto 20
 
  1. Atti relativi ai trasferimenti di terreni destinati alla formazione o all'arrotondamento delle proprietà di imprese agricole diretto-coltivatrici e per l'affrancazione dei canoni enfiteutici e delle rendite e prestazioni perpetue aventi i fini suindicati e relative copie.
  2. Domande, certificazioni, attestazioni, documenti, note di trascrizione ipotecaria, e relative copie.
Punto 21
  Domande, atti e relativa documentazione, per la concessione di aiuti comunitari e nazionali al settore agricolo, nonché di prestiti agrari di esercizio di cui al regio decreto-legge 29 luglio 1927, n. 1509, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 5 luglio 1928, n. 1760, ovvero prestiti da altre disposizioni legislative in materia. Punto 21-bis
  Atti e documenti relativi alla procedura di espropriazione per causa di pubblica utilità promossa dalle amministrazioni dello Stato e da enti pubblici, compresi quelli occorrenti per la valutazione o per il pagamento dell'indennità di espropriazione. Punto 22
  Testamenti di qualunque forma redatti e schede di testamenti segreti. Punto 23
  Biglietti ed abbonamenti per trasporto di persone nonché domande e documenti comunque occorrenti per il rilascio di detti abbonamenti. Punto 24
  Contratti di lavoro e d'impiego sia individuali che collettivi, contratti di locazione di fondi rustici, di colonia parziaria e di soccida di qualsiasi specie e in qualunque forma redatti; libretti colonici di cui all'art. 2161 del codice civile e documenti consimili concernenti rapporti di lavoro agricolo anche se contenenti l'accettazione dei relativi conti fra le parti. Punto 25
  Quietanze degli stipendi, pensioni, paghe, assegni, premi, indennità e competenze di qualunque specie relative a rapporti di lavoro subordinato. Punto 26
  Conti delle gestioni degli agenti dello Stato, delle regioni, province, comuni e relative aziende autonome; conti concernenti affari, trattati nell'interesse delle dette amministrazioni; conti degli esattori e agenti della riscossione di tributi in genere. Punto 27
  Atti, documenti, istanze, contratti, nonché copie anche se dichiarate conformi, estratti certificazioni, dichiarazioni e attestazioni poste in essere o richiesti da organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) e dalle federazioni sportive ed enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI. Punto 27-bis
  Atti costitutivi, statuti ed ogni altro atto necessario per l’adempimento di obblighi dei movimenti o partiti politici, derivanti da disposizioni legislative o regolamentari. Punto 27-ter
  Istanze, atti e provvedimenti relativi al riconoscimento in Italia di brevetti per invenzioni industriali, di brevetti per modelli di utilità e di brevetti per modelli e disegni ornamentali. Punto 27-quater
Esenzioni varie
  All’art. 9, comma 8, della legge 23.12.99 n. 488 sono aggiunte, in fine, le parole: “nonché i procedimenti di rettificazione di stato civile di cui all’art. 454 del cod. civile”. Articolo 9, comma 8, della legge 23.12.1999.
  Documenti dei diritti elettorali ed elezioni dei delegati scolastici Legge 8.6.1962, n. 604, tab. B norme speciali.
  Liquidazione e pagamento di indennità e rendite INAIL. DPR 30.6.1965, n. 1124.
  Atti, documenti e provvedimenti relativi alle cause per controversie individuali di lavoro o concernenti rapporti di pubblico impiego; atti relativi ai provvedimenti di conciliazione dinanzi agli uffici del lavoro e della massima occupazione o previsti da contratti o accordi collettivi di lavoro nonché alle cause per controversie di previdenza e assistenza obbligatorie.
Atti e documenti relativi alla esecuzione sia immobiliare che mobiliare delle sentenze ed ordinanze emesse negli stessi giudizi; atti e documenti riferentisi a recupero dei crediti per prestazioni di lavoro nelle procedure di fallimento, di concordato preventivo e di liquidazione coatta amministrativa.
Articolo 10, legge 11.8.1973, n. 533.
  Concessione mutui agricoli, normativa CEE. Articolo 16, legge 9.5.1975, n. 153.
  Definizione pratiche pensioni di guerra. Articolo 126, DPR 23.12.1978, n. 915.
  Documenti giustificativi e gli atti delle procedure di liquidazione degli indennizzi e dei contributi per danni di guerra, gli atti ed i contratti aventi per oggetto tali provvidenze. Articolo 12, legge 22.10.1981, n. 593.
  Risarcimento danni agricoli seguito calamità naturali CEE - contributi AIMA. Articolo 7-bis, legge 27.2.1984, n. 17.
  Tutti gli atti, i documenti ed i provvedimenti relativi al procedimento di scioglimento del matrimonio o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nonché ai procedimenti anche esecutivi e cautelari diretti ad ottenere la corresponsione o la revisione degli assegni di cui agli articoli 5 e 6 della legge 1.12.1970, n. 898. L’esenzione è estesa a tutti gli atti, i documenti ed i provvedimenti relativi al procedimento di separazione personale dei coniugi (Corte costituzionale, sentenza 154 del 10 maggio 1999). Articolo 19, legge 6.3.1987, n. 74. Corte costituzionale, sentenza n. 154 del 10.5.1999.
  Documento attestante volontà di essere cremato. Articolo 79, DPR 10.9.1990, n. 285.
  Duplicati di atti e documenti smarriti. DM 20.8.1992, articolo 4 - tabella A - punto 2.
  Atti connessi allo svolgimento di attività delle organizzazioni di volontariato (Croce Rossa esclusa, ris. Min. finanze n. 38 del 15.3.1999). Articolo 8, legge 11.8.1991, n. 266.
  Per le domande di partecipazione a pubblici concorsi di reclutamento di personale banditi dagli enti contro indicati o di assunzione in servizio anche temporanea, anche con sottoscrizione autenticata, e per i documenti da allegare alle domande stesse l’imposta non è dovuta. Vedere anche www.semplicesemplice.it Nota 2 a margine art. 3 della tariffa alleg. A al DPR n. 642 del 1972 (DM 20.8.1992).
  Non sono soggette alla imposta le istanze concernenti rapporti di impiego prodotte dai dipendenti degli uffici contro indicati alla amministrazione competente. Nota 3 a margine art. 3 della tariffa alleg. A al DPR n. 642 del 1972 (DM 20.8.1992).
  Domande, compresa l’autentica della sottoscrizione, ed i relativi documenti per la partecipazione ai concorsi, nonché per le assunzioni, anche temporanee, presso le amministrazioni pubbliche Legge 23.8.1988, n. 370 “Esenzione dall’imposta di bollo per le domande di concorso e di assunzione presso le amministrazioni pubbliche.”
  Legalizzazione di foto. Articolo 34, comma 2, del DPR n. 445 del 2000.
  Atti e documenti inerenti le cooperative edilizie. Legge n. 427 del 19.10.1993.
  Domande di autorizzazione di importazione trattato CEE. Articolo 115.
  Ricorso per diniego ricongiungimento famigliari dall’estero per stranieri. Articolo 28, punto 6, legge n. 40 del 6.3.1998.
  Modificazione di imprese agricole. Articolo 3, comma 75-bis della legge n. 662 del 1996 era articolo 9-bis, legge n. 140 del 1997.
  Ricostruzione e riparazione edifici lesionati da eventi sismici. Legge 27.12.1997, n. 449 e DM n. 41 del 18.2.1998.
  Assicurazioni - risarcimenti - rendita vitalizia ecc. Articolo 34, comma 5, del DPR n. 601 del 1973 (articolo 16 della legge n. 1216 del 1961 e articolo 36, comma 3, della legge n. 900 del 1969).
  Le operazioni relative ai finanziamenti a medio e lungo termine e tutti i provvedimenti, atti, contratti e formalità inerenti alle operazioni medesime, alla loro esecuzione, modificazione ed estinzione, alle garanzie di qualunque tipo da chiunque e in qualsiasi momento prestate e alle loro eventuali surroghe, sostituzioni, postergazioni, frazionamenti e cancellazioni anche parziali, ivi comprese le cessioni di credito stipulate in relazione a tali finanziamenti, effettuate da aziende e istituti di credito e da loro sezioni o gestioni che esercitano, in conformità a disposizioni legislative, statutarie o amministrative, il credito a medio e lungo termine, e quelle effettuate ai sensi dell’articolo 5, comma 7, lettera b), del DL 30.9.2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24.11.2003, n. 326. DPR n. 601 del 29.9.1973, articolo 15.
  Finanziamenti di qualunque durata, effettuati in conformità a disposizioni legislative, statutarie o amministrative da aziende e istituti di credito e loro sezioni o gestioni, nei seguenti settori:
  • credito per il lavoro italiano all’estero di cui al RDL 15.12.1923, n. 3148;
  • credito all’artigianato di cui al DLGS 15.12.1947, n. 1418, e alla legge 25.7.1952, n. 949;
  • credito cinematografico, di cui alle leggi 4.11.1965, n. 1213, e 14.8.1971, n. 819;
  • credito teatrale, di cui alla legge 14.8.1967, n. 800;
  • credito di rifinanziamento effettuato a norma degli articoli 17, 18, 33 e 34 della legge 25.7.1952, n. 949;
  • credito peschereccio d’esercizio.
DPR n. 601 del 29.9.1973, articolo 16.
 
  1. I duplicati di atti e documenti rilasciati dalla pubblica amministrazione quando gli originali sono andati smarriti o l’intestatario ne ha perduto il possesso.
  2. Le copie delle cartelle cliniche dichiarate conformi all’originale.
  3. I certificati, copie ed estratti desunti esclusivamente dai registri dello stato civile e le corrispondenti dichiarazioni sostitutive.
  4. Denunce di smarrimento e relative certificazioni.
  5. Atti e documenti relativi all’istruzione secondaria di 2° grado.
Tariffa allegato A al DPR n. 642 del 1972 (DM 20.8.1992), articolo 4, nota 2/c.
 
  • Atti e provvedimenti del processo penale
  • Atti e provvedimenti del processo civile, compresa la procedura concorsuale e di volontaria giurisdizione, e del processo amministrativo, soggetti al contributo unificato
  • Copia autentiche, comprese quelle esecutive, degli atti e dei provvedimenti, purché richieste dalle parti processuali
DPR 30.5.2002, n. 115, articolo 18
  Sono esenti dall’imposta di bollo gli atti e documenti concernenti l’iscrizione, la frequenza e gli esami nell’ambito dell’istruzione secondaria di secondo grado, comprese le pagelle, i diplomi, gli attestati di studio e la documentazione similare; i certificati, le copie e gli estratti dei registri dello stato civile e l’autenticazione delle sottoscrizioni delle corrispondenti dichiarazioni sostitutive; le denunce di smarrimento presentate alle competenti autorità e relative certificazioni da esse rilasciate; i duplicati di atti e documenti rilasciati dalla pubblica amministrazione quando gli originali sono andati smarriti o l’intestatario ne ha comunque perduto il possesso; le ricevute, quietanze, note, conti, fatture, distinte e simili, anche se non sottoscritti, quando la somma non supera lire 150.000; gli estratti di conti nonché lettere e altri documenti di addebitamento o di accreditamento di somme, portanti o meno la causale dell’accreditamento o dell’addebitamento e relativi benestari quando la somma non supera lire 150.000; i buoni di acquisto ed altri simili titoli in circolazione di importo non superiore a lire 150.000; le ricevute relative al pagamento di spese di condominio negli edifici; i conti degli amministratori di tutte le istituzioni poste sotto la tutela o vigilanza dello Stato, delle regioni, delle province e dei comuni; le copie delle cartelle cliniche dichiarate conformi all’originale. Sono altresì esenti gli atti, i documenti e i provvedimenti dei procedimenti di esecuzione davanti al pretore quando il valore non supera lire 5 milioni; i certificati rilasciati da organi dell’autorità giudiziaria previsti dall’articolo 29 della tariffa allegato A, annessa al decreto del Presidente della Repubblica indicato nel comma 1, limitatamente a quelli relativi alla materia penale. Legge 29.12.1990, n. 405, articolo 7, comma 5
  Certificazioni rilasciate dai comuni per l’aggiornamento della residenza in registri e documenti a seguito dell’istituzione di nuovi comuni, province e regioni e per le variazioni della toponomastica o della numerazione civica Legge 24.12.1993, n. 537, art. 16, comma 8
  Procedure intraprese per il recupero dei crediti professionali vantati dai difensori d’ufficio nei confronti degli indagati, degli imputati e dei condannati inadempienti DLGS 28.7.1989, n. 271, Norme di attuazione, di coordinamento e transitorie del codice di procedura penale, articolo 32
  Contenzioso elettorale amministrativo. Tutti gli atti relativi ai procedimenti amministrativi o giudiziari in materia elettorale. Legge 23.12.1966, n. 1147, articolo 3, comma 2 - DLGS 2.7.2010, articolo 127
  Esenzione dall’imposta di bollo per uso patrocinio gratuito. Spetta a condizione che siano espressamente riportati gli estremi del decreto di ammissione al patrocinio a spese dello Stato e che, negli atti da prodursi in giudizio, sia indicato lo scopo della produzione. Approfondimento (newsletter Anusca) Articolo 18 del DPR 26.10.1972, n. 642

Casi particolari

Altri documenti

 

 

Comune di Campogalliano - piazza Vittorio Emanuele II, 1 - CAP 41011 - protocollo@cert.comune.campogalliano.mo.it