sportello polifunzionale per il cittadino

sei in:   home | facile | sportello_al_cittadino
Sportello al cittadino
questa è la scheda informativa
vai alle modalità di esecuzione
Scheda ...
47 di 205
comprimi tutto

Carta d’identità elettronica (CIE)

Descrizione

CIE (carta d’identità elettronica): il processo di emissione è affidato al Min. interno; produzione, personalizzazione e stampa sono riservati all’IPZS (circ. 18/2016).

Il Comune è dotato di un’infrastruttura costituita da postazioni di lavoro informatiche (pc, stampante multifunzione, scanner di impronta, lettore per verificare le funzionalità del documento, lettore di codice a barre, lettore di smart card) per acquisire tuti i dati del cittadino, inviarli al CNSD che li trasmetterà all’IPZS per la stampa e consegna all’indirizzo del titolare (circ. 18/2016).

Il cittadino può chiedere la CIE al comune di residenza nei casi di primorilascio, deterioramento, smarrimento o furto del documento di identificazione. L’ufficiale d’anagrafe, munito di smart card per accedere al portale di gestione CIEOnline, rilascia al termine dell’operazione la ricevuta della richiesta della CIE (circ. 18/2016).

Non è più possibile procedere all’emissione della carta d’identità in formato cartaceo se non in caso di reale e documentata urgenza segnalata dal richiedente per motivi di salute, viaggio, consultazione elettorale e partecipazione a concorsi o gare pubbliche o qualora il cittadino sia iscritto nell’AIRE (circ. 8/2017). Le carte d’identità cartacee mantengono comunque la propria validità fino alla scadenza (circ. 18/2016).

Per venire incontro alle esigenze del cittadino e per agevolare il Comune nelle operazioni di acquisizione dei dati è previsto un portale istituzionale della CIE dove il Comune e il cittadino trovernno tutte le informazioni utili per la presentazione della domanda di rilascio della CIE, per conoscere lo stato di attivazione del progetto sul territorio e le modalità di accesso all’help desk.

Requisiti d’accesso
  • Residenza nel comune. Per gravi e comprovati motivi (non turistici) la residenza non è richiesta, ma in tal caso occorre il nulla-osta del comune di residenza (circolare Min. interno del 5.11.1999 e circolare Min. interno 23/2004 del 10.5.2004)
  • In caso di carta d’identità valida per l’espatrio, quindi solo per cittadini italiani: immunità dalle condizioni che, per legge, impediscono il rilascio del passaporto [1]

I minori devono necessariamente presentarsi con i genitori (o il tutore). Nel caso si chieda il rilascio della CIE valida per l’espatrio, devono essere presenti entrambi i genitori; qualora uno di essi sia impossibilitato a presentarsi, può consegnare la dichiarazione di assenso all’espatrio unitamente a fotocopia di un suo documento di identità.

Modulistica da utilizzare
Documenti da presentare o allegare

Al momento della richiesta vanno presentati i seguenti documenti:

  • Carta d’identità in scadenza, anche se deteriorata. In caso di furto o smarrimento, occorre consegnare la denuncia già presentata alle Autorità di pubblica sicurezza ed esibire un altro documento di identificazione.
  • Fotografia formato tessera, recente, a capo scoperto, senza capelli sul viso. Il soggetto deve essere rivolto verso l’obiettivo e lo sfondo deve essere di colore chiaro; se porta gli occhiali non devono essere presenti riflessi sulle lenti e la montatura non deve coprire nessuna parte degli occhi.
  • Permesso di soggiorno e passaporto, per gli stranieri.
  • Tessera sanitaria/codice fiscale.
Adempimenti e costi a carico dell’interessato

Il richiedente deve pagare (delib. Giunta comunale n. 130 del 29/12/2017):

  • il corrispettivo di € 22,00, così composto:
    • euro 16,79 (13,76 + IVA) per il ristoro della spese di gestione sostenute dallo Stato, incluse quelle per la consegna (circ. 18/2016)
    • euro 5,00 per diritto fisso comunale
    • euro 0,21 per diritti di segreteria

L’importo viene riscosso dal comune all’atto della richiesta di emissione della CIE.

A chi rivolgersi

Rivolgersi a “Facile”, sportello polifunzionale per i cittadini - piazza Vittorio Emanuele II, n. 1 - 41011 Campogalliano (MO)

telefono

  • 059.899406 Gessica Grisanti
  • 059.899401 Giovanna Abbruzzese
  • 059.899420 Gloria Eleonora Beatrice Casadei
  • 059.899405 Silvia Ricchetti
  • 059.899415 Valentino Casarini (resp.)

telefax 059.899430

email facile@comune.campogalliano.mo.it

 

orari

  • 8.00-14.00 martedì, mercoledì, venerdì (*)
  • chiuso lunedì e giovedì
  • 9.00-12.30 sabato

(*) Nel periodo estivo (luglio-agosto) chiusura anticipata alle ore 13.00

Tempi

La consegna della CIE avverrà entro 6 giorni lavorativi dalla data di presentazione della richiesta di rilascio presso l’indirizzo di residenza o quello indicato dal cittadino sul territorio nazionale o, infine, presso il comune competente a ricevere la domanda (circ. 18/2016)

È utile sapere che...

www.cartaidentita.interno.gov.it/

La carta d’identità elettronica non può essere rilasciata ai cittadini italiani residenti all’estero iscritti all’Anagrafe Italiana Residenti all’Estero (AIRE) in quanto il rilascio del documento è subordinato all’allineamento dei dati anagrafici nel sistema dell’Indice Nazionale delle Anagrafi (INA/SAIA).(fonte: www.lineaamica.gov.it).

Supporto ai cittadini nelle procedure di rilascio della CIE: tel. 800263388, email cie.cittadini@interno.it. Per modalità di utilizzo del sistema di assistenza: www.cartaidentita.interno.gov.it/contatti/ (circ. 8/2017).

Riferimenti normativi (attenzione: il testo delle norme collegate NON è ufficiale e potrebbe NON essere aggiornato)
  • Circolare Min. interno 9/2019 del 16.7.2019. Ricevuta della richiesta CIE - Documento di riconoscimento. Circolare Prefettura, Allegato.
  • DM 25.5.2016. Determinazione del corrispettivo a carico del richiedente la carta d’identità elettronica, ai sensi dell’art. 7-vicies quater del decreto-legge 31 gennaio 2005, n. 7, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 marzo 2005, n. 43.
  • DM 23.12.2015. Modalità tecniche di emissione della Carta d’identità elettronica.
  • DL n. 78 del 19.6.2015, art. 10. Nuove disposizioni in materia di Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente e di carta d’identità elettronica.
  • DPR 6.8.1974, n. 649. Disciplina dell’uso della carta d’identità e degli altri documenti equipollenti al passaporto ai fini dell’espatrio.
  • Legge 21.11.1967, n. 1185. Norme sui passaporti.
  • RD 6.5.1940 n. 635. Regolamento per l’esecuzione del TU n. 773 del 1931.
  • RD 18.6.1931, n. 773. Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza.
Schede correlate
Note

[1] Articolo 3 della legge n. 1185 del 1967

«Non possono ottenere il passaporto:

  1. coloro che, essendo a norma di legge sottoposti alla patria potestà o alla potestà tutoria, siano privi dell’assenso della persona che la esercita e, nel caso di affidamento a persona diversa, dell’assenso anche di questa; o, in difetto, della autorizzazione del giudice tutelare;
  2. i genitori che, avendo prole minore, non ottengano l’autorizzazione del giudice tutelare; l’autorizzazione non è necessaria quando il richiedente abbia l’assenso dell’altro genitore, o quando sia titolare esclusivo della potestà sul figlio ovvero, ai soli fini del rilascio del passaporto di servizio, quando sia militare impiegato in missioni militari internazionali;
  3. ...
  4. coloro che debbano espiare una pena restrittiva della libertà personale o soddisfare una multa o ammenda, salvo per questi ultimi il nulla osta dell’autorità che deve curare l’esecuzione della sentenza, sempreché la multa o l’ammenda non siano già state convertite in pena restrittiva della libertà personale, o la loro conversione non importi una pena superiore a mesi 1 di reclusione o 2 di arresto;
  5. coloro che siano sottoposti ad una misura di sicurezza detentiva ovvero ad una misura di prevenzione prevista dagli articoli 3 e seguenti della legge 27 dicembre 1956, n. 1423;
  6. ...
  7. coloro che, essendo residenti all’estero e richiedendo il passaporto dopo il 1° gennaio dell’anno in cui compiono il 20° anno di età, non abbiano regolarizzato la loro posizione in rapporto all’obbligo del servizio militare.»

Comune di Campogalliano - piazza Vittorio Emanuele II, 1 - CAP 41011 - protocollo@cert.comune.campogalliano.mo.it